La fisica incontra la città


Torna al menù

 

 

 

L'esplorazione dell'Universo con il Telescopio Spaziale James Webb

 

7 novembre 2018

Roberto Maiolino

Kavli Institute for Cosmology, University of Cambridge

 

Abstract

L'esplorazione dell'Universo con il Telescopio Spaziale James Webb Il Telescopio Spaziale James Webb è probabilmente il più ambizioso progetto mai concepito nella storia della Astronomia.
È considerato il successore dello Hubble Space Telescope e sarà il più grande telescopio mai lanciato nello spazio. Le sue dimensioni sono talmente grandi che dovrà essere lanciato in un razzo con diversi dei suoi componenti ripiegati e si aprirà solo una volta in orbita.
Il seminario fornirà un riassunto dei principali obiettivi scientifici del telescopio spaziale James Webb e le aree di ricerca in cui questo telescopio fornirà contributi fondamentali, dallo studio dei pianeti in altri sistemi solari all'identificazione delle prime stelle e dei primi buchi neri nell'Universo primordiale.
Verrà inoltre fornita una descrizione delle tecnologie d'avanguardia utilizzate per lo sviluppo e per il lancio di questo telescopio con capacità senza precedenti.

 

Curriculum

Roberto Maiolino si è laureato in Fisica presso l'Università di Firenze e ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Astronomia presso la stessa Università dopo un periodo di studio allo Steward Observatory, presso l'Università dell' Arizona. Ha successivamente lavorato presso presso il Max-Planck-Institute fuer Extraterrestrische Physik (Monaco), presso l'Osservatorio Astrofisico di Arcetri (Firenze) e presso l'Osservatorio Astronomico di Roma. Dal 2012 è professore al Cavendish Laboratory (Dipartimento di Fisica), presso l'Universit&224; di Cambridge, dove detiene la Cattedra di Astrofisica Sperimentale. Dal 2016 è anche direttore del Kavli Institute for Cosmology.
I suoi interessi scientifici coprono diversi settori dell'Astrofisica, fra cui la formazione ed evoluzione delle galassie, lo studio dei buchi neri supermassivi, la produzione degli elementi chimici e delle particelle di polvere nelle galassie.
Riveste ruoli di coordinamento e di guida in diversi progetti legati a diversi osservatori astronomici, fra cui il Very Large Telescope, l'Extremely Large Telescope e il Telescopio Spaziale James Webb.
Nel 2018 ha ricevuto l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine della Stella d'Italia, conferitagli dal Presidente della Repubblica.