Laboratorio PLS-ESCHER


 

Responsabile: Prof. Giuseppe Schirripa Spagnolo

 

Il laboratorio propone tre esperienze, che si svolgeranno in tre pomeriggi (uno a marzo, uno a aprile e uno a maggio) presso i laboratori del Dipartimento di Matematica e Fisica. Gli incontri, della durata di due ore circa, sono riservati ad un massimo di 10 studenti del quarto anno. Ogni scuola partner potrà iscrivere uno studente (e segnalarne un secondo, in caso di disponibilità di posti).

     

  • Olografia
    Con le tecniche olografiche (dal greco holos, tutto) si riesce ad ottenere una registrazione completa della fase e dell'ampiezza del fronte d'onda, e si riesce quindi a costruire un duplicato del fronte d'onda originale, ottenendo un'immagine tridimensionale. Il principio fisico che viene sfruttato per ottenere questo risultato è in fase di registrazione, l'interferenza di due onde coerenti; in fase di ricostruzione la diffrazione. L'olografia ottica, non solo consente la ricostruzione a tutto tondo, ma l'ologramma di un oggetto "ottico" (lente, specchio, ecc.) conserva la funzione ottica, l'ologramma di una lente si comporta come la lente reale. Gli esperimenti mostreranno i principi fisici dell'olografia ottica e le possibili applicazione.
  •  

  • Misura diretta della velocità della luce
    Anche se non siamo più al tempo nel quale si credeva che la velocità si propagasse istantaneamente, nell'immaginario collettivo la luce si propaga cosí rapidamente che è estremamente difficile misurarne la velocità di propagazione. Oggigiorno con strumentazione elettronica semplice è possibile progettare dei semplici esperimenti che ne consentono la misurazione. Lo scopo principale non è quello di misurare rigorosamente la velocità della luce, ma dimostrare che la misura di costanti fisiche è accessibile a tutti, cosí da poter gustare il fascino che questi valori portano.
  •  

  • Radio a Cristallo (Radio a Galena)
    Questo esperimento si pone come obiettivo di costruire un semplice apparecchio radio e di capirne il funzionamento. La radio a galena possiede l'indubbio vantaggio di essere talmente semplice che la sua importanza dal punto di vista didattico sia straordinaria. In modo semplice ed efficace è possibile far "vedere" i principi fisici su cui si basano i circuiti oscillanti, la modulazione e demodulazione, il concetto di media a valor medio nullo e come ricavare informazioni da essa. Infine si possono realizzare diversi tipi di antenne e mostrare che le onde elettromagnetiche possono essere "lette" catturando il campo elettrico oppure il campo magnetico.