La fisica incontra la città


Torna al menù

 

 

 

Le nanotecnologie al servizio della medicina

 

8 maggio 2019

Giancarlo Ruocco

Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma
Istituto Italiano di Tecnologia

 

Abstract

Dopo avere brevemente presentato la struttura di ricerca dell'Isitituto Italiano di Tecnologia (IIT) e del suo laboraotorio romano (il Center for Life NanoScience, CLNS) verranno illustrati alcuni recenti sviluppi tecnologici, mostrando come la combinanzione convergente di esperti provenienti da differenti discipline sta aprendo nuovi orizzonti per la diagnosi e la comprensione delle principali patologie. Verranno portati come esempi:

  • (i) la realizzazione di bio-sensori per le diagnosi tumorali basati sulla reazione di piccoli organismi pluricellulari;
  • (ii) lo sviluppo di nuove tecniche ottiche per la diagnosi precoce delle malattie neurodegenerative tramite l'osservazione del fondo oculare;
  • (iii), lo sviluppo di metodologie per la determinazione delle proprietà elastiche dei tessuti biologici tramite l'uso della luce e come queste metodiche stanno portando nuove conoscenze sui meccanismi elementari alla base delle malattie neurodegenerative.

 

Curriculum

Giancarlo Ruocco è professore ordinario di Fisica della Materia Condensata all'Università Sapienza di Roma dal 2000. La sua attivtà è volta principalmento allo sviluppo di nuove tecniche sperimentali per lo studio dei sistemi disordinati, vetri e liquidi. Recentemente il suo interesse si è spostato verso lo sviluppo di nuove tecniche di microscopia per lo studio dei biosistemi. Nel 2004 ha fondato e diretto il Centro di ricerca "SOFT" dell'INFM. Dal 2007 al 2013 è stato direttore del Dipartimento di Fisica di Sapienza Università di Roma. Dal 2010 al 2014 è stato vicerettore per la politica della ricerca presso la stessa Università. Negli anni 2009-2010 è stato co-proponente (e dal 2011 direttore) del "Center for Life NanoScience (CLNS)", un laboratorio dell'Istituto Italiano di Technolgy (IIT). Il centro è dedicato allo sviluppo, con approccio multidisciplinare, di nanotecnologie per lo studio, la diagnosi e le potenziali terapie di alcune patologie del sistema nervoso centrale.